logo

Bicicletta

Posizione corretta in sella: si parte, pedalare!

Chi ha una posizione scorretta in bicicletta parte svantaggiato. Ecco le domande decisive per scegliere la sella giusta per voi. E vi sveliamo altri segreti per piacevoli uscite in bicicletta.

25 febbraio 2017  |  Patrick Steinemann


Se dopo 20 minuti di pedalata vi fa male il fondoschiena, dovreste scendere dalla bici e porvi una domanda chiave: poggiate più sul pube o sull’ischio? Non si tratta di una differenza correlata al sesso, quanto piuttosto allo stile di guida: se in bicicletta assumete una posizione sportiva, con il busto proteso in avanti, significa che appoggiate più sulla parte anteriore della sella e quindi sul pube. Le conseguenze possono essere uno sgradevole formicolio e una sensazione di intorpidimento nella zona del perineo. Se invece la vostra posizione è diritta, perpendicolare alla bici, poggiate maggiormente sull’ischio e potreste avere dolori dovuti alla pressione sulla sella di quest’osso. Con la sella giusta potete evitare tutto questo.

Un vasto assortimento di biciclette a prezzi incredibilmente bassi
Catalogo: Speciale Bici

Un vasto assortimento di biciclette a prezzi incredibilmente bassi

Qual è la vostra posizione in bicicletta? Se tenete il busto proteso in avanti, poggiate maggiormente sul pube come il ciclista a sinistra. Se invece state seduti dritti sulla bici come il ciclista a destra poggiate più sull’ischio.

Quale sella scegliere?

Chi tende ad appoggiare maggiormente il pube dovrebbe scegliere una sella più dura e che nella parte anteriore, dove poggia il pube, non sia troppo sottile. In tal modo la pressione viene meglio distribuita nella parte anteriore. Per chi appoggia più l’ischio è maggiormente indicata una sella più ampia nella parte posteriore, facendo attenzione che in questa zona non ci siano spigoli duri e cuciture spesse; inoltre è importante un’adeguata imbottitura in corrispondenza dell’ischio.


Quanto dev’essere larga la sella?

La larghezza giusta della sella viene determinata da un esperto nei negozi specializzati che misura la distanza tra i due ischi. Oppure potete farlo semplicemente anche a casa: prendete un pezzo di cartone ondulato, sistematelo su uno sgabello o una sedia, sedetevi tenendo il busto diritto e spostate le mani verso il pavimento. Le impronte sul cartone indicano il profilo dei vostri glutei e quindi la larghezza ideale della sella: se siete ciclisti sportivi, con una posizione più protesa in avanti, la distanza tra i due punti centrali degli incavi sul cartone indica la larghezza corretta della sella. Se invece siete ciclisti più rilassati, con una posizione diritta sulla sella, prendete come riferimento la distanza esterna tra i due incavi.


Le diverse selle

Sella classica:

Garantisce una distribuzione uniforme della pressione, ma non sgrava la zona del perineo.

Sella con apertura centrale:

Ha un buco nel mezzo che permette di sgravare la zona del perineo, ma non gli ischi. Ma attenzione: l’apertura dev’essere adatta al singolo ciclista.

Sella con gel

Grazie all’inserto in gel crea un appoggio ideale dei punti più sollecitati. Per questo motivo è indicata soprattutto per le uscite più lunghe.

Sella a due livelli

La superficie di appoggio nella parte posteriore della sella è più alta rispetto alla superficie in punta. In questo modo si sgrava la zona pubica.

Sella sportiva:

È piuttosto dura e spesso è in pelle di prima qualità. I professionisti vanno matti per questo modello che tuttavia richiede molta cura (della pelle).

Sella da donna:

Per natura il bacino delle donne è diverso da quello degli uomini. Per questo spesso le selle da donna sono più larghe e hanno l’apertura centrale.

In quali altri modi ottenere una posizione ideale?

  • Se poggiate più sul pube dovreste cambiare posizione più spesso e ogni tanto alzarvi in fuori sella. In questo modo mantenete una costante circolazione del sangue e rilassate la muscolatura. Un altro consiglio: sistemate la sella non perfettamente orizzontale ma con la punta leggermente rivolta verso il basso.
  • Buone notizie per chi poggia prevalentemente sull’ischio: dopo un po’ di tempo il vostro corpo si abitua alla pressione sulla sella. All’inizio fate uscite brevi e frequenti e ricordate: una sella troppo morbida spesso è più scomoda di una dura. Un altro utile accorgimento consiste nell’utilizzare calzoncini con un buon fondello per una distribuzione uniforme della pressione.
  • Controllate anche la geometria della vostra bicicletta, meglio se con l’aiuto di un esperto: tubo orizzontale e attacco manubrio devono essere della giusta lunghezza. Regolate correttamente l’altezza della sella e del manubrio e sistemate la sella in modo che sia perfettamente orizzontale.