logo

Clima degli ambienti

Muffa addio!

Macchie scure, odore di muffa. L’infestazione da muffe negli edifici abitativi può essere pericolosa e diffondersi con maggior vigore proprio nella stagione fredda. Ecco come liberarvene.

14 novembre 2017   |   Luk von Bergen


Non tutto ciò che ammuffisce è un delizioso formaggio francese o finisce sui piatti dei ristoranti per gourmet come pregiata carne argentina. Dietro ai mobili, negli angoli, accanto alle finestre: l’infestazione da muffe nelle case si ha quando l’ambiente è troppo umido e dovrebbe essere rimossa il prima possibile. Tuttavia rimuovere la muffa non è l’ultima fase del lavoro. È importante scoprire perché i microorganismi sono riusciti a diffondersi. È possibile che ci siano dei difetti costruttivi oppure danni dell’acqua passati inosservati. Anche arieggiare in modo sbagliato può scatenare le muffe. Solo dopo aver preso le necessarie misure sarà possibile avere un appartamento privo di muffe.

Rimuovere la muffa

Innanzitutto: un’infestazione da muffe su grandi superfici e particolarmente ostinata va lasciata nelle mani di un professionista. Trattamenti casalinghi, quali strofinare i punti colpiti con l’aceto o l’alcol, agiscono solo per poco tempo o danneggiano la superficie. Gli spray antimuffa che si trovano in commercio sono efficienti, spesso inodori e generalmente il modo d’uso è simile:

  •  spruzzare i punti colpiti da una distanza di circa 10 centimetri
  • in base al prodotto e a quanto è ostinata la muffa lasciare agire da 15 minuti a più ore
  • rimuovere i residui con una spugna o uno straccio e pulire la superficie con un panno umido


Per trattare in sicurezza la muffa occorre vestirsi in modo adatto.

  • Mascherina: per non respirare le spore della muffa
  • Guanti di gomma: impediscono il contatto diretto con la pelle
  • Occhiali protettivi: evitano irritazioni agli occhi
  • Abbigliamento: lavare immediatamente gli abiti da lavoro dopo l’uso
  • Spugne, stracci, spazzole: utilizzare una sola volta e poi smaltirli
Sta cercando un artigiano affidabile per dei lavoretti?
JUMBO vi consiglia Needelp. Su Needelp troverete una persona di fiducia nelle vostre vicinanze.
Per saperne di piú

Affinché nulla inizi ad ammuffire

La gamma di prodotti che soffocano la muffa sul nascere è vasta: additivi trasparenti per le vernici, impregnanti protettivi, vernice antimuffa e barriere antiumidità impediscono che l’umidità penetri nei materiali costruttivi. Importante: applicare unicamente se il fondo è asciutto e compatibile con i prodotti. Per migliorare il clima degli ambienti si possono utilizzare depuratori d’aria, evaporatori e nebulizzatori.


Tanti buoni consigli per tutti i giorni:

  • arieggiare più volte al giorno (5–10 minuti) assicurandosi di creare corrente
  • la temperatura dei locali dovrebbe essere tra 19 e 21 gradi
  • durante i periodi in cui si accende il riscaldamento evitare di tenere le finestre aperte a ribalta
  • non asciugare il bucato nell’appartamento
  • tenere in casa solo legna da ardere secca
  • non bagnare troppo le piante d’appartamento
  • l’umidità relativa dell’aria dovrebbe essere tra il 45 e 55 per cento (misurare con un igrometro)
  • non appoggiare i mobili direttamente alle pareti che danno sull’esterno in quanto disturbano la circolazione dell’aria

Quanto è pericolosa un’infestazione da muffe

Le muffe hanno spore che si diffondono nell’aria e possono quindi entrare nel corpo. Chi abita in locali umidi e attaccati dalla muffa corre un rischio più elevato di contrarre infezioni alle vie respiratorie, allergie e asma. Respirarne in continuazione può provocare bruciore agli occhi, raffreddore, mal di testa o disturbi del sonno. Se sorgono questi sintomi consultare subito un medico.