JUMBO Logo
christmas light

Il contratto di locazione della casa nuova è firmato, l’appartamento vecchio è disdetto, il trasloco è programmato e gli aiutanti sono stati precettati, quindi, prima che arrivino, si devono preparare gli scatoloni. La preparazione degli scatoloni per il trasloco dovrebbe iniziare almeno una settimana prima del grande evento. Prendersi il tempo sufficiente per questa operazione consente non solo di imballare tutto in modo sistematico, ma anche di risparmiare non poco mal di stomaco e stress nell’impacchettare le varie cose e di aprire poi gli scatoloni con metodo preciso tra le quattro pareti nuove.

Cosa significa preparare gli scatoloni in modo mirato e a cosa si deve prestare attenzione, ve lo spiega qui JUMBO. Non possiamo sostituirci a voi e fare il trasloco al posto vostro, ma con i giusti consigli possiamo sicuramente facilitarvi l’impresa.

Preparazione del trasloco

PRIMA LIBERARSI DEGLI OGGETTI INUTILI, POI IMBALLARE

Per il trasloco è sufficiente cacciare tutto negli scatoloni, poi disporli bene in ordine nella casa nuova e ammirare il risultato, che altro ci vuole? Non è proprio un’idea brillante, anche se il tempo a disposizione prima del trasferimento è davvero risicato. Fate un attimo mente locale e pensate a cosa davvero serve (ancora) tra le nuove pareti. Una volta arrivati nella casa nuova, non avrete tempo e tanto meno voglia di fare una cernita dei vari oggetti e di liberarvi di quello che non usate o non serve. Un trasloco è un’opportunità perfetta per separarsi dalle cose vecchie e non più necessarie. Che fare delle cose vecchie? Gli oggetti che sono ancora in buono stato si possono vendere, dare in beneficenza o regalare. Sbarazzatevi delle cose inutilizzabili o rotte e smaltitele.


Iniziate a tempo debito a procedere alla selezione e a disfarvi del superfluo. Passate al setaccio ogni singola stanza e ogni cassetto. Rastrellate in modo sistematico e metodico ogni più recondito angolo dell’appartamento o di tutta la casa. Riflettete bene e valutate che cosa vi serve ancora veramente. Non prendete e non mettete negli scatoloni cose che già da tempo sono finite nel dimenticatoio e non usate. In questo modo, non solo risparmiate sui costi del trasloco, ma vi liberate anche di vecchie zavorre.

Il materiale per il trasloco

PROCURARSI GLI SCATOLONI ADATTI

Prima di potere iniziare a preparare gli scatoloni, occorre procurarsi il materiale da imballaggio adatto. Mentre si fa piazza pulita della roba inutile, ci si può già fare un’idea di quante cose ci sono da portare via. Oppure affidatevi alla nota regola empirica: uno scatolone per ogni metro quadrato di appartamento. Se vi basate su questo principio potrete procurarvi un numero sufficiente di scatoloni e di scatole multiuso. Potete trovare tutto questo materiale presso la filiale JUMBO più vicina o nell’online shop. Se vi siete accordati con un’impresa di traslochi, vi saranno di certo forniti anche imballaggi speciali per gli abiti da appendere, la biancheria e i libri. Chi è del mestiere può inoltre aiutarvi a valutare la quantità di scatoloni necessari e fornirli comunque anche dietro pagamento.

Procurarsi gli scatoloni adatti


Per poterli preparare in modo perfetto, gli scatoloni devono innanzitutto essere adatti alle cose da imballare per il trasloco. Spesso capita che gli scatoloni utilizzati siano instabili, troppo grandi o addirittura poco maneggevoli. Attenzione anche a eventuali scatole danneggiate. La soluzione più pratica è far sì che gli scatoloni abbiano le stesse misure con altezze diverse. In questo modo potrete impilarli uno sull’altro nel furgone e sfruttare al meglio lo spazio disponibile. Per quanto riguarda gli scatoloni, vi consigliamo di prestare attenzione ai seguenti punti:


  • gli scatoloni devono assolutamente essere dotati di impugnature, per facilitarne il trasporto;
  • acquistate scatoloni in cartone ondulato a strato singolo da usare per gli oggetti più leggeri. Gli scatoloni a strato singolo di ondulato sono più economici, tuttavia non molto robusti;
  • Per le suppellettili domestiche pesanti la scelta più sensata è quella degli scatoloni di cartone a doppio strato, decisamente più robusti, e di inoltre di solito si possono riutilizzare più volte;
  • le scatole particolarmente robuste costano un po’ di più, ma garantiscono una protezione maggiore per gli oggetti di valore;
  • potreste farvi prestare dall’impresa di traslochi anche delle scatole in plastica rigida, che sono multiuso, particolarmente robuste e rispettano l’ambiente;
  • acquistate possibilmente un numero sufficiente di scatoloni delle stesse dimensioni, che così potrete impilare più facilmente;
  • tante scatole piccole sono meglio di poche ma troppo grandi
  • gli scatoloni di alta qualità si possono rivendere bene una volta terminato il trasloco.


Suggerimento: è possibile risparmiare sul numero di scatoloni, utilizzando al loro posto panieri, ceste per la biancheria e valigie per il trasporto.

I NOSTRI SCATOLONI PER IL TRASLOCO PIÙ APPREZZATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Strumenti

I VOSTRI PRATICI AIUTANTI

Oltre al numero corretto di scatoloni e alla versione adatta, occorrono gli strumenti opportuni per procedere al trasloco. Anche i sacchi in plastica possono essere una valida soluzione per trasportare biancheria personale o da letto.


Vecchi giornali:non costano nulla e in un trasloco hanno un uso davvero versatile. Con i vecchi giornali si possono riempire gli spazi vuoti all’interno degli scatoloni in modo da proteggere bicchieri e stoviglie, impedendo che si rompano. Quindi, raccogliete tutti i vecchi giornali che trovate con il dovuto anticipo rispetto alla data del trasloco.


Carta velina: per proteggere gli oggetti fragili, la carta velina è perfetta. Rispetto alla carta da giornale è più leggera e non macchia.


Nastro adesivo: non se ne può fare a meno in un trasloco. Lo potete usare per sigillare gli scatoloni riempiti e per bloccare le parti mobili, ad esempio i cassetti.


Pellicola a bolle d’aria: questa soluzione consente di proteggere gli oggetti più grandi e delicati, tra cui quadri incorniciati e specchi.


Carriole o carrelli: per trasportare gli oggetti più ingombranti e pesanti è un’ottima soluzione una carriola o anche un carrello. In questo modo proteggete la vostra schiena e non vi caricate inutilmente.


Teli per trasloco: per proteggere dai danni i mobili o gli apparecchi elettronici di valore potete usare appositi teli per trasloco.


Film estensibile: tiene insieme le parti di uno stesso oggetto, ad esempio i cassetti del comodino, le ante dell’armadio oppure diverse ceste che formano un tutt’uno. La pellicola protegge inoltre da graffi e scalfitture.


Bustine in plastica: servono per le parti piccole, quali le viti dello scaffale o i cavi del televisore a schermo piatto. Ma non dimenticate di scrivere sulla busta a cosa si riferisce il contenuto.


Pennarelli di buona qualità: per scrivere sugli scatoloni riempiti per il trasloco servono pennarelli ben leggibili. Potete aggiungere la descrizione direttamente sullo scatolone o sulla pellicola adesiva con cui sigillate la scatola. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


SCATOLONE PER TRASLOCO CON FONDO AUTOMATICO


State cercando un modo per risparmiare tempo nella preparazione degli scatoloni per il trasloco? JUMBO ha la soluzione che fa per voi: lo scatolone per trasloco con fondo automatico: si monta con uno schiocco delle dita in soli 2 secondi. Questo scatolone di cartone resistente e robusto è ideale per oggetti meno voluminosi o per chi non riesce a sollevare pesi consistenti. Lo scatolone è realizzato in cartone ondulato di alta qualità, è riutilizzabile e dispone di maniglie per il trasporto rinforzate. Potete semplicemente cerchiare sullo scatolone il locale a cui è destinato e la preparazione del trasloco filerà liscia come l’olio.

Preparare gli scatoloni

10 REGOLE D’ORO PER PREPARARE AD HOC GLI SCATOLONI PER IL TRASLOCO

La data del trasloco si avvicina, il vecchio appartamento è stato svuotato delle cose inutili e gli scatoloni per il trasloco sono stati consegnati: perfetto, ora non resta che tirarsi su le maniche e iniziare a imballare le cose. Consigliamo di cominciare a preparare le scatole circa una settimana prima della scadenza prevista e di procedere in modo sistematico. Con le nostre 10 regole l’impresa sarà di una facilità unica.


Regola n. 1: preparare gli scatoloni una stanza alla volta Procedete stanza per stanza quando preparate gli scatoloni. Le parti che formano uno stesso oggetto, dovrebbero essere imballate insieme. Mettete via per prime le cose che usate raramente nella vita quotidiana. Iniziate a preparare gli scatoloni in cantina, in soffitta o nel garage.


Regola n. 2: preparare gli scatoloni in base all’importanza Mettete possibilmente insieme negli stessi scatoloni gli oggetti che usate più comunemente. Così facendo, al momento di tirare fuori le varie cose vi eviterete lo stress di dover aprire più scatole contemporaneamente per riuscire a recuperare ciò che vi serve subito. Predisponete inoltre una scatola di emergenza, che contenga tutte quelle cose di cui non potete assolutamente fare a meno durante o subito dopo il trasloco. La soluzione migliore è imballarle e metterle in una scatola a parte, così avrete subito tutto l’occorrente a portata di mano. Che cosa mettere dentro a questa scatola di emergenza? Documenti importanti, portafogli, chiavi, nécessaire, medicinali, il necessario per il piccolo di casa o il mangiare per gli animali, spazzola per i capelli e fon, un cambio di vestiti, asciugamano, carta igienica, lampadina, utensili.


Regola n. 3: pesante in basso, leggero in alto Si dovrebbe seguire un metodo non solo per decidere cosa mettere negli scatoloni, ma anche come metterle. Riflettete bene e pensate a cosa intendete inserire in ogni scatolone, così collocherete le cose pesanti in basso e quelle leggere in alto.


Regola n. 4: non riempire completamente gli scatoloni Non riempite fino all’orlo gli scatoloni del trasloco: è quello che ad esempio capita con i libri, perché si possono impilare con estrema facilità. Riempite le scatole destinate ai libri solo fino a metà o al massimo per i due terzi e poi mettete oggetti leggeri. Potete usare gli oggetti di uso quotidiano, quali asciugamani, calze, panni per stoviglie, strofinacci e biancheria da letto per riempire e avvolgere gli oggetti fragili. Potete proteggerli contro eventuali rotture anche utilizzando la carta di giornale e la pellicola a bolle d’aria. In caso di oggetti pesanti, è opportuno rafforzare il fondo dello scatolone con del nastro adesivo. E per finire, non è per nulla una buona idea bloccare i fori di presa, perché rendono inutilmente difficile il trasporto a voi e a chi vi aiuta.


Regola n. 5: etichettare gli scatoloni Indicare sugli scatoloni il relativo contenuto e a quale specifico locale della casa nuova è destinato. In questo modo non solo a voi, ma anche a chi vi aiuta nel trasloco, sarà possibile sapere in quale ambiente deve finire ogni singola scatola. Un’impostazione di questo tipo vi fa risparmiare un sacco di lavoro ed evita di trascinare i contenitori da un luogo all’altro. Contrassegnate inoltre il contenuto fragile. In alternativa, potete optare per un sistema basato sui colori, attribuendone uno a ogni locale, ad esempio il blu per la cucina, il giallo per la camera da letto e così via. Sigillate quindi gli scatoloni secondo questa scala cromatica, così non avrete il dubbio di dove debba andare ognuno di essi.


Regola n. 6: proteggere adeguatamente gli oggetti fragili È assolutamente indispensabile proteggere bicchieri, stoviglie, vasi e altri oggetti fragili. Sono valide soluzioni la carta velina, la pellicola a bolle d’aria, il cartone ondulato o piccoli articoli in tessuto come fazzoletti, panni per stoviglie e calze.


Regola n. 7: trattare a parte gli apparecchi elettronici Per l’imballaggio e il trasporto degli apparecchi elettronici non è previsto un trattamento in blocco. Per proteggere il televisore e gli apparecchi elettronici di questo genere è opportuno utilizzare il polistirolo e la pellicola a bolle d’aria. Sarebbe preferibile trasportare la lavatrice e il frigorifero in posizione verticale. Attenzione: qualora il frigorifero venga trasportato in orizzontale, una volta giunto a destinazione occorre aspettare 24 ore prima di rimetterlo in funzione.


Regola n. 8: avvolgere le piante Avvolgere le piante piccole con un sacchetto di plastica, per evitare di far cadere la terra. Collocare quindi il vaso in uno scatolone. Controllare e riempire bene gli spazi intermedi in modo che le piante non possano capovolgersi. In alternativa, potete trasportare i vasi singolarmente, senza scatola, o metterli in un contenitore di plastica.


Regola n. 9: mettere le parti piccole in bustine di plastica L’ideale è mettere chiavi, viti e altri accessori che servono per il montaggio dei mobili in bustine di plastica, che potete applicare all’oggetto corrispondente o su cui, altrimenti, potete indicare il contenuto.


Regola n. 10: trasportare separatamente gli oggetti preziosi È opportuno impacchettare e trasportare personalmente gioielli, collezioni, documenti, piccoli apparecchi elettronici e altri oggetti di valore.


Quanto devono pesare gli scatoloni del trasloco?


Gli scatoloni del trasloco non si devono solo riempire, ma anche trasportare. Perciò, non fateli troppo pesanti. Che cosa significa questo in numeri? Non oltre i 20 chilogrammi. Come fare ben non sbagliarsi? Non mettete negli scatoloni solo oggetti pesanti: libri, stoviglie e attrezzature sportive di un certo peso dovrebbero sempre essere imballati insieme a oggetti leggeri. La regola generale indica un’equa divisione, ossia cinquanta e cinquanta. Per verificare il peso l’ideale è utilizzare all’inizio una tradizionale bilancia pesapersone. Dopo aver preparato qualche scatola, sarete in grado di impostare un metodo vostro e di riempirle automaticamente raggiungendo il peso ottimale.


Trattamento particolare per oggetti speciali


Libri: per non far scivolare i libri uno dentro l’altro o evitare che si rompano, l’ideale è collocarli nello scatolone con i dorsi a contatto. Per i libri esistono anche scatoloni specifici che sono particolarmente robusti e di dimensioni minori di quelli utilizzati normalmente per il trasloco.


Tessuti/abbigliamento: Per il trasporto di completi da uomo, vestiti e altri capi di abbigliamento delicati sono adatti i contenitori per abiti, in cui si possono utilizzare come materiale di imbottitura asciugamani, panni per stoviglie e calze. L’alternativa più economica a questo tipo di scatole sono i sacchetti della spazzatura, che si possono appendere sul capo di abbigliamento o fissare in alto nella gruccia.


Prodotti alimentari: la soluzione perfetta è non dover trasportare molti prodotti alimentari nella nuova casa. Perciò, a ridosso della data del trasloco non fate più la spesa e non riempitevi la dispensa. Date fondo il più possibile alle scorte che avete. Non scordatevi inoltre dei surgelati. Se comunque rimangono dei prodotti, chiudete bene le confezioni aperte con il nastro adesivo per evitare pasticci durante il trasporto. I surgelati di norma non sono proprio gli articoli ideali da trasportare: pertanto, consumateli o regalateli prima di traslocare.


Stoviglie/bicchieri/vasi: la soluzione migliore è imballare singolarmente gli oggetti fragili quali vasi, bicchieri e stoviglie, avvolgendoli nella carta velina o in quella da pacchi. Solo dopo questa operazione, potete metterli nello scatolone. I piatti è bene collocarli di taglio nello scatolone, inserendo negli spazi vuoti tra uno e l’altro del materiale di protezione. Suggerimento: Provate a scuotere, con molta attenzione, lo scatolone, per verificare se le stoviglie stanno ben ferme oppure scivolano di qua e di là. Eventualmente sistemate meglio i vari oggetti.


Specchi e quadri: è bene trasportare specchi e quadri avvolti anche nella pellicola a bolle d’aria. A seconda delle dimensioni, può essere una buona idea utilizzare delle protezioni per gli angoli dei quadri. Per gli oggetti d’arte e i dipinti a olio è meglio rivolgersi a un esperto per essere sicuri che siano imballati a dovere.

Caricare il furgone

5 CONSIGLI PER CARICARE CON METODO

Una volta preparati tutti gli scatoloni, smontati i mobili e protette le piante, si può procedere a caricare il furgone per il trasloco. Anche questa operazione deve essere eseguita con metodo ed essere pianificata con precisione. Il primo dilemma da sciogliere riguarda che cosa da trasportare nel veicolo a noleggio e cosa invece nelle vetture private. Ricordatevi solo che i costi di un furgone a noleggio per il trasloco aumentano in base al tempo di utilizzo. Finito di caricare? Allora possiamo passare ai nostri 5 preziosissimi consigli.


Consiglio n. 1: trasportare gli oggetti di valore in auto

L’ideale è trasferire nella nuova casa gli oggetti particolarmente importanti e di valore, trasportandoli con la propria auto.


Consiglio n. 2: mettere prima gli scatoloni

Quello che avete caricato per primo nel furgone, sarà l’ultimo a essere tirato fuori. Quando caricate il furgone è, quindi, opportuno iniziare dagli scatoloni, che potete impilare senza problemi, evitando di trovarveli tra i piedi quando scaricherete i mobili ingombranti. Dopo gli scatoloni, è il turno di mobili voluminosi ed elettrodomestici. Attenzione, però: non create delle pile troppo alte di scatoloni e riempite lo spazio libero fino al tetto con oggetti morbidi quali coperte, cuscini del divano o tappeti.


Consiglio n. 3: ripartire il peso

I primi scatoloni a essere caricati e impilati devono essere quelli pesanti e robusti: è importante ricordarlo. Il peso sui semiassi del furgone deve essere ripartito equamente.


Consiglio n. 4: le parti che formano uno stesso oggetto, devono rimanere insieme

È opportuno trasportare insieme gli scaffali o gli armadi smontati. Questo vi consentirà di risparmiare tempo quando scaricate e nel successivo montaggio.


Consiglio n. 5: fissare i pezzi da trasportare

Prima di partire, fissare i vari pezzi con apposite cinghie. Gli oggetti fragili devono assolutamente essere assicurati con cinghie, ganci e protetti con materiali morbidi, come ad esempio un materasso, che può fungere da perfetto ammortizzatore.

Voci correlate

Prodotti interessanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARVI

Consigli per il trasloco

più

Riconsegna della casa

più

Pulizia finale della casa

più

Lista di controllo per il trasloco

più