inizio pagina

Spesso le riparazioni in casa e in giardino servono proprio quando meno ce lo aspettiamo. È importante quindi avere una cassetta degli attrezzi sempre ben rifornita e sostituire gli attrezzi non più funzionanti. Ma qual è la «data di scadenza» di martelli, trapani e cacciaviti?

07 dicembre 2018 | Luk von Bergen


Una situazione davvero sgradevole: state pregustando una piacevole serata davanti alla TV, vi accomodate sul divano e sistemate la ciotola con le patatine sul tavolino. Da qualche tempo una gamba del tavolo ha una vite allentata che proprio adesso cade fuori! La gamba cade, il tavolino cede e le patatine si rovesciano sul tappeto. Oltre il danno la beffa: il vostro cacciavite a stella è consumato e spuntato. Riparare il tavolino? Impossibile! Caspita, se aveste sostituito per tempo il cacciavite! Questo è ciò che può capitare con tutti gli attrezzi della vostra cassetta. Quando bisogna sostituirli?

Spuntato, rotto? Lunga vita ai vostri cacciaviti

Con il cacciavite succede come con il cavatappi: se manca ci vengono strane idee in testa. Ad esempio togliere il tappo con un coltello oppure – per rimanere in tema – avvitare una vite con l’unghia. Niente da fare! È importante quindi avere a disposizione cacciaviti di varie forme e dimensioni. Infatti se il cacciavite a testa piatta è troppo piccolo per la vite, si può rompere la punta. Se in vece il cacciavite a stella è usurato, non appoggia correttamente, scivola via, danneggia l’attrezzo, la vite e anche la superficie.

Consiglio

Sostituite immediatamente gli attrezzi rotti e fate in modo di avere a disposizione i cacciaviti adatti per viti di diverse dimensioni.


Grandi e piccoli: i cacciaviti di tutti i possibili colori e dimensioni.

Lama affilata: per un coltello efficiente

Nel caso dei taglierini – detti anche cutter – la situazione è chiara: se non tagliano più, bisogna spezzare la lama nel punto di rottura e/o sostituirla. Non importa con quale coltello o lama lavoriate – lama a scatto, a trapezio o a uncino: non aspettate troppo a lungo per la sostituzione. Le lame smussate infatti non danno mai buoni risultati: rischiate di danneggiare, strappare o sfilacciare il materiale da trattare.

Consiglio

Prima di utilizzarla provate la lama su una superficie e con un materiale che non usate più.


Sempre affilati: ordinate i coltelli e le lame di ricambio.

Piccoli cunei: come riparare il vostro martello

Il martello è un attrezzo che dato il materiale solido difficilmente si rompe. Ma la testa, ossia il martello vero e proprio, può allentarsi, sfilarsi dal manico e cadere. Ecco un trucco per poter continuare a lavorare: infilare nuovamente la testa sul manico e piantare un chiodo spesso verticalmente nel manico. Il chiodo allarga il manico e fissa così il martello.

Consiglio per il martello

Esistono speciali cunei d’acciaio da fissare nel manico al posto del chiodo. Avere questi cunei sottomano significa lavorare in modo professionale e sicuro.


Elementi utili: grazie ai cunei di acciaio non dovete sostituire subito il martello, sempre che il manico sia ancora integro.

Tutto inclinato? Tempo di cambiare la livella a bolla!

È davvero frustante! Avete appena fissato e avvitato una mensola alla parete e allontanandovi di qualche metro vi accorgete che non è perfettamente piana! La mensola è inclinata! Inclinata! Come è potuto succedere? Probabilmente dovete sostituire la vostra livella a bolla. Può essere infatti che non siate voi a essere poco precisi, bensì il vostro attrezzo. Da buttare!

Consiglio

Verificate se la vostra livella a bolla funziona ancora. Sistematela sul tavolo e guardate dove si trova la bolla. Poi ruotate la livella di 180° e guardate dov’è ora la bolla. Se la livella funziona ancora bene la bolla è nella stessa posizione, in caso contrario potete buttare il vostro attrezzo.


Risultati precisi: con queste livelle andate sul sicuro.

Maestri del trapano: per buchi perfetti

Immaginate che il vostro dentista utilizzi un trapano con punte consumate! Anche le vostre pareti e le altre superfici di lavoro si meritano attrezzi in perfetto stato. Se mentre trapanate la punta scivola via o se dovete imprimere una forte pressione allora è tempo di sostituire le punte. Altrimenti rischiate di danneggiare inutilmente la tappezzeria, l’intonaco o i mobili.

Consiglio

Dal legno al cemento, utilizzate sempre le punte adatte per ogni materiale.


Buchi perfetti: punte da trapano per diversi materiali, anche in set.

Potrebbero interessarvi anche questi articoli

All’avventura con gli attrezzi giusti

più

Portachiavi e portaoggetti con ripiano fai da te

più

Trucchi per trapanare, avvitare e martellare

più

Astuzie: primo soccorso per i fori

più