JUMBO Logo

Lo stress invernale provocato dal sale, dal gelo e dalla sporcizia non sollecita solo la carrozzeria. Anche l’abitacolo dell’auto va regolarmente pulito e curato. Soprattutto in primavera: con i nostri consigli effettuate una pulizia perfetta ed eliminate anche i residui di sale più persistenti.

05 marzo 2019 | Xenia Imbach


Le gite in auto sulla neve sono sicuramente divertenti. Dopodiché una pulizia primaverile dell’auto si impone senza eccezioni. Ma perché la cura dell’abitacolo è altrettanto importante del lavaggio regolare dell’esterno dell’auto? Ve lo spieghiamo in sei semplici passi.

Cura del pianale

In inverno sul pianale dell’auto non si deposita soltanto la sporcizia, anche l’umidità favorisce la diffusione di muffe che nuocciono alla salute. Quando pulite il pianale eliminate tutti i rifiuti e tutti gli elementi mobili, come tappetini o seggiolini per bambini. Passate l’aspirapolvere in modo accurato, spostando i sedili per pulire anche nelle fessure e piccoli spazi ed eliminare gli ultimi residui di sale. Se il pianale della vostra auto è rivestito con moquette, pulitelo con una schiuma detergente.


I rivestimenti del pianale in plastica vanno invece puliti con un detergente universale multiuso o in alternativa con un prodotto di cura per le superfici in plastica.


Se desiderate una pulizia in profondità ed eliminare anche i cattivi odori, la miglior soluzione è il ricorso a un pulitore a vapore.

Tappetini

Mentre il pianale dell’auto si asciuga, pulite i tappetini che sono stati estremamente sollecitati dal contatto diretto con le scarpe invernali bagnate. Se i tappetini sono di gomma potete pulirli con un detergente universale e una grossa spazzola. Quale alternativa potete utilizzare dei prodotti di cura per le superfici in plastica. Se i tappetini sono rivestiti in tessuto, utilizzate lo stesso smacchiatore o la stessa schiuma utilizzata per il pianale.

Cruscotto

L’arma migliore per l’abitacolo è senza dubbio il panno in microfibra per il cruscotto. Consente di togliere la polvere dal cruscotto e dai rivestimenti interni e di pulirli alla perfezione con poca acqua. Se vi sono delle parti particolarmente sporche e desiderate ritrovare la sensazione di un’auto nuova, fate ricorso a uno spray per la cura del cruscotto.

Vetri

I vetri dell’auto vanno puliti anche all’interno. Con il tempo sulla parte interna del vetro si forma infatti una sottile pellicola di sporcizia. Dedicate la massima cura alla pulizia del parabrezza, poiché la visibilità è essenziale quando si guida, soprattutto di notte i fari del traffico in senso inverso abbagliano di più se il vetro è sporco.


Affinché anche all'esterno i cristalli siano pronti per la primavera, sostituite il liquido lavavetri invernale, che contiene antigelo, con la versione estiva. È infatti più efficace contro la sporcizia persistente, i pollini o gli insetti che si depositano sul parabrezza.


Quando pulite i vetri, togliete dapprima lo sporco più grosso con un panno in microfibra umido. Non appena sono asciutti, ripassate utilizzando del detergente per vetri specifico per l’auto.

Parti in gomma

Le guarnizioni in gomma delle portiere dell’auto e dei vetri sono estremamente sollecitate dalla forte pressione quando si chiudono le portiere e dall’usura causata dalle intemperie, per cui con il tempo posso seccare o screpolarsi. Controllate tutte le guarnizioni in gomma e pulitele con un panno in microfibra. Prolungate infine la durata di vita della parti in gomma passando un apposito stick per le parti in gomma.

Bagagliaio

Riponete in cantina le catene da neve, il raschietto per il ghiaccio e tutto ciò che si usa in inverno. Se le vostre gite sulla neve hanno lasciato dei residui di sale, puliteli con un pulitore a vapore: è la soluzione più efficace. Un consiglio per tutto l’anno: tenete nel bagagliaio un contenitore di plastica multiuso in cui riporre gli scarponi sporchi o i bastoni da sci bagnati. Risparmierete molto tempo quando si tratterà di pulite l’abitacolo della vostra auto.


Pulizia esterna

Dopo aver pulito l'interno, è importante pulire e curare anche l’esterno dell’auto. L’utensile più efficace è senz’altro l’idropulitrice ad alta pressione. Selezionate la pressione idonea (valore medio per i prodotti Kärcher destinati all’auto) e mantenete la distanza di sicurezza prescritta nelle istruzioni d’uso.


Da evitare: le cose da non fare quando si pulisce l'auto


  • Non tutte le spugne per la pulizia sono uguali. Le spugne abrasive vanno bene per le pentole incrostate, ma possono causare molti danni alla vernice dell'auto. Le spugne per auto al contrario sono realizzate con materiali morbidi e molto assorbenti.
  • Giù le mani dai detersivi sgrassanti per stoviglie, quando pulite l'auto. Oltre allo sporco, questi sciolgono soprattutto la cera protettiva della carrozzeria e in poco tempo l'auto è di nuovo sporca. Meglio rinunciarvi anche per la pulizia dell'abitacolo, con il tempo le parti in plastica potrebbero sgretolarsi e presentare delle crepe. Per pulire la carrozzeria e ottenere un risultato duraturo utilizzate un detergente lucidante appropriato mentre per l'abitacolo avvaletevi di uno spray per la cura del cockpit.
  • In internet girano dei video in cui si sostiene che si possono utilizzare i detergenti per forno per pulire i cerchi dell'auto. Il detergente per forno contiene sostanze chimiche aggressive, che intaccano irreparabilmente la superficie in alluminio dei cerchi. In realtà la pulizia a regola d'arte dei cerchi è meno complicata di quanto si pensi.

Armatevi contro lo sporco ostinato


Macchie persistenti

Una volta seccate, le macchie sui rivestimenti sono spesso difficili da togliere. Utilizzate un detergente per sedili oppure trattate la macchia con un pulitore «lava e aspira». Prima di utilizzarlo, provate il detergente per sedili in un punto nascosto per verificare la tenuta del colore. Il pulitore lava e aspira spruzza acqua mista a detergente sui sedili dopodiché la aspira. Sia il detergente per sedili sia il pulitore lava e aspira rimuovono dai rivestimenti, insieme alla macchia, anche gli odori sgradevoli.


Peli di animali

I peli degli animali si intessono rapidamente nelle fibre della moquette e dei tessuti dell'abitacolo e sono spesso difficili da togliere. Se l'aspirapolvere e il rullo levapelucchi non bastano, esiste un'apposita bocchetta per l'eliminazione dei peli di animali oppure il guanto elimina peli di animali e pelucchi.


Odore di sigaretta

Se dopo un'approfondita pulizia dei rivestimenti e dell'abitacolo l'auto puzza ancora di sigaretta, potete provare con rimedi casalinghi. Ad esempio lasciate per tutta la notte una ciotola di farina, caffè macinato o riso all'interno dell'auto. Questi alimenti catturano sia l'umidità sia gli odori. In alternativa può rivelarsi utile un elimina odori. In caso di odori persistenti, quale ultima soluzione potete ricorrere a un professionista per togliere i cattivi odori dall'abitacolo con un trattamento all'ozono.

A tutto gas verso la pulizia primaverile

Vi auguriamo un’efficace, e perché no, anche una divertente, pulizia della vostra auto. In tale ottica abbiamo creato una lista della spesa perfetta.

Questi contributi potrebbero interessarvi

Qual è il seggiolino per bambini adatto per l’auto?

più

Sostituire gli penumatici in un’ora

più

Riordinare il garage in 5 passi

più

Con la tua idropulitrice contro ogni tipo di sporco

più