christmas light
logo

In giardino, sulla terrazza o sul balcone: le aiuole rialzate hanno numerosi vantaggi per le piante e per chi le cura. Come riempire e coltivare un’aiuola rialzata.

2 maggio 2017  |  Piera Cadruvi


A volte è più piacevole praticare il giardinaggio in piedi o seduti – in particolare per la schiena. Con le aiuole rialzate è possibile curare il verde in giardino, sulla terrazza o sul balcone salvando la schiena. Un altro vantaggio è la possibilità di posizionarle ovunque, a seconda delle esigenze delle piante. Inoltre la posizione rialzata protegge le piante ad esempio da topi o lumache. Prima di decidere dove sistemare l’aiuola chiedete innanzitutto al vostro locatore se è consentito. L’Associazione inquilini ha stabilito cosa è permesso e cosa no.


Riempire l’aiuola rialzata

Affinché siano rigogliose le piante necessitano di sostanze nutritive, ossia del giusto terriccio. Fate attenzione che ogni strato di terra corrisponda a un terzo dell’altezza. Ecco come riempire l’aiuola rialzata:

  1. strato: riempite il primo terzo della vostra aiuola con dell’argilla espansa. Le palline di questo materiale, leggere e stabili, garantiscono il deflusso dell’acqua, impedendo così i ristagni d’acqua.
  2. strato: sopra all’argilla espansa sistemate del velo protettivo che serve a separare la terra dalle palline d’argilla e impedisce che durante l’innaffiatura la terra finisca per riempire e quindi ostruire lo spazio di drenaggio creato dall’argilla.
  3. strato: riempite il secondo terzo dell’aiuola con del terriccio da compostaggio che essendo ricco di sostanze nutritive accresce la fertilità e la resistenza delle piante.
  4. strato: l’ultimo terzo va riempito con del terriccio specifico per balconi o aiuole rialzate, adatto per la coltivazione sia di verdure che di fiori.

Dopo aver riempito l’aiuola e seminato, innaffiate abbondantemente. Le piante coltivate nelle aiuole rialzate hanno un fabbisogno d’acqua maggiore rispetto a quelle in piena terra. Perciò controllate regolarmente se lo strato superiore risulta asciutto.


I diversi materiali per l’aiuola rialzata

Nella scelta della vostra aiuola rialzata l’aspetto più determinante è la grandezza: quanto più è piccolo il contenitore e tanto più velocemente la terra si asciugherà. Inoltre occorre tenere presente alcuni aspetti specifici a seconda del materiale scelto:

Legno

La maggior parte delle aiuole rialzate in legno sono rivestite con una vernice protettiva. Per proteggerle durevolmente dal bagnato, consigliamo di rivestirle ulteriormente all’interno con un telo per laghetti. Questa aiuola in pino, lunga 136 centimetri, è adatta a giardini o ampie terrazze; inoltre è pratica perché l’acqua in eccesso può defluire attraverso le assi di legno.

Metallo

L’aiuola rialzata «Birdies» è formata da otto elementi lunghi 50 centimetri da comporre a piacimento nel vostro giardino. Poiché il sole riscalda ulteriormente il metallo, bisogna controllare regolarmente il grado di umidità della terra e annaffiare se necessario. Attenzione però: non bisogna mai annaffiare in modo eccessivo perché in quest’aiuola l’acqua non ha la possibilità di defluire.

Plastica

Piccola, vivace e larga solo 77 centimetri: l’aiuola rialzata «Green Basics» è perfetta per i piccoli balconi. Realizzata con plastica riciclata, è facile da curare e ha in dotazione un coperchio per proteggere le piante dal freddo. Anche questo modello non prevede il deflusso dell’acqua: pertanto non innaffiate eccessivamente le piante.

Plastica con calotta protettiva

Anche questo modello è vivace e di plastica: è l’Urban Garden Trolley. La calotta protettiva, in vendita a parte, protegge le piante dal freddo e la sua funzione di ulteriore deflusso dell’acqua evita i ristagni.

Aiuola rialzata con serra

La copertura protegge le piante dal freddo e dal leggero gelo notturno, prolungando di molto la stagione del vostro giardino. Quando inizia a essere più caldo la serra va aperta per evitare che le piante soffrano eccessivamente il caldo. Questa aiuola rialzata è dotata di deflusso dell’acqua che impedisce i ristagni.

Sta cercando un artigiano affidabile per dei lavoretti?
JUMBO vi consiglia Needelp. Su Needelp troverete una persona di fiducia nelle vostre vicinanze.
Per saperne di piú

Quali piante nell’aiuola rialzata?

Se notate che il livello del terriccio si sta abbassando a causa del marciume, dovreste rabboccare lo strato superiore con del terriccio da compostaggio per fornire alle vostre piante tutte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno. È importante che nella stessa aiuola rialzata si coltivino verdure e fiori con un fabbisogno simile di sostanze nutritive. Se scegliete verdure e fiori con un elevato fabbisogno di queste sostanze rabboccate regolarmente l’aiuola con del terriccio da compostaggio fresco oppure concimatela. Tra queste piante vi sono ad esempio cetrioli, porri, sedano, gerani e tulipani. Trovate le relative informazioni sulla confezione dei semi.

Voci correlate

Prodotti interessanti

Annaffiatoio Flower

Contenuto: 10 l

Colore: verde

2.40STGaranzia prezzo basso

Irrigatore circolare SAMBA CLASSIC

GARDENA

Superficie di irrigazione max.: 250 m²

Stabile superficie di appoggio

24.95ST

Computer per irrigazione GF48

G.F.

Selezione del programma semplice e pratica

Pulsante per scorrimento manuale

59.90ST

Serra a cassetta, doppia

JARDIN ROYAL

Misure: 100 x 100 x 40/30 cm

Materiale: policarbonato

99.90ST