Il trasloco è concluso e il vecchio appartamento è ormai completamente vuoto, ora manca solo la riconsegna dell’immobile. In cinque step vi illustreremo a cosa prestare attenzione per affrontare serenamente questo momento.

20 agosto 2019 | Paula Smelko


Passo 1: fissare la data della riconsegna dell’appartamento


La legge prevede che gli inquilini riconsegnino l’immobile al più tardi l’ultimo giorno del periodo di locazione. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, è possibile riconsegnare l’appartamento prima del termine. Se l’ultimo giorno ufficiale per la riconsegna cade di domenica o in un giorno festivo, è possibile riconsegnare l’immobile il primo giorno lavorativo utile. Non appena avrete fissato la data e l’orario della riconsegna, potrete pianificare in piena sicurezza il trasloco e le pulizie.


Chiedete al vostro locatore o al vostro amministratore come gestire al meglio la riconsegna dell’immobile; molto spesso, infatti, loro conoscono con precisione la procedura.


Passo 2: preparare al meglio la riconsegna dell’appartamento

Per evitare lo stress dell’ultimo minuto, è bene preparare la riconsegna dell’immobile in anticipo.


Esaminate con calma tutti i vani confrontandoli con il verbale di consegna rilasciato all’inizio della locazione. Se non avete più il verbale di consegna, chiedetene una copia al vostro locatore o al vostro amministratore. Verificate se durante il periodo di locazione si sono verificati danni che non sono riportati nel verbale di consegna. Controllate altresì se sono state apportate delle modifiche all’appartamento che devono essere ripristinate. Molto importante al fine di evitare lo stress: pianificate in modo esatto la pulizia degli ambienti.


Create una lista di punti con le cose da fare in ogni stanza, così da avere una panoramica globale e non tralasciare nulla. Suggerimento: prendete nota delle cose che non siete sicuri se rientrino o meno nella vostra sfera di responsabilità e chiaritele con il vostro locatore.

Traslocare

Pronto per il trasloco

PER SAPERNE DI PIÙ

Passo 3: verificare eventuali danni e i lavori di riparazione

Durante il periodo di locazione si generano normalmente dei segni di usura, che difficilmente possono essere evitati, come ad esempio graffi sulle pareti o sul lavandino, ingiallimento dei tappeti o della carta da parati. Non si tratta di danni, ma di segni di normale usura.


Il locatore o l’amministratore può ritenervi responsabili per danni maggiori, causati, ad esempio, da negligenza. In questo caso è meglio discutere con il locatore o con l’amministratore sul da farsi prima di riconsegnare l’appartamento.


Sul sito infoalloggio troverete alcuni esempi di normale usura e di danni maggiori.


Un’altra questione sono i lavori di riparazione: tutti i lavori che non richiedono una formazione tecnica, come la sostituzione del sedile del WC o del tubo della doccia, sono di vostra pertinenza. Questi lavori di riparazione vengono definiti di «piccola manutenzione». Se possibile, occupatevi personalmente di questi lavori, poiché il vostro locatore o il vostro amministratore potrebbe incaricare un tecnico specializzato, che poi dovrete pagare di tasca vostra.


È inoltre necessario rimuovere tutte le installazioni da voi effettuate: ganci, chiodi, carta da parati, specchi, bastoni per tende e tappeti. Inoltre, se avete tinteggiato le pareti, queste devono essere nuovamente imbiancate.

Assortimento

Contenitori e ordine – qui trovate il vostro materiale.

Assortimento

Passo 4: affrontare le pulizie finali

È possibile scegliere se occuparsi personalmente delle pulizie o affidarsi a un’impresa di pulizie professionale. Grazie alla lista preparata allo step 2, avrete già una buona panoramica sul da farsi.


Pulizie finali fai-da-te

  • Ci si può occupare personalmente delle pulizie finali. È un lavoro molto impegnativo perché include: 
  • la pulizia dei pavimenti, compreso il lavaggio dei tappeti
  • la pulizia accurata e completa della cucina, inclusi forno, piano cottura, frigorifero, cappa aspirante e lavastoviglie
  • la pulizia delle tapparelle 
  • la rimozione completa delle macchie su tutte le superfici
  • la rimozione del calcare del bagno e della cucina
  • la pulizia di porte e finestre, telai compresi


Pulizie finali con un’impresa di pulizie professionale

Se vi affidate a un’impresa di pulizie professionale per le pulizie finali dell’appartamento, risparmierete molto lavoro, tempo e stress. Inoltre, molte imprese di pulizie offrono una garanzia di accettazione: ovvero, laddove il locatore non sia soddisfatto del risultato, l’azienda pulirà di nuovo l’appartamento garantendo l’accettazione da parte del locatore.


Per trovare l’impresa di pulizie più giusta per il vostro appartamento, è bene richiedere diversi preventivi e fare un confronto sul rapporto prezzo/prestazioni delle offerte. JUMBO consiglia MOVU.ch, la piattaforma online per i traslochi e i lavori di pulizia con imprese di pulizie professionali e accuratamente selezionate in tutta la Svizzera. Inoltrando una richiesta riceverete cinque preventivi di pulizie finali, ciascuno con garanzia di accettazione.


Passo 5: checklist per la riconsegna dell’appartamento

Per essere sicuri di non dimenticare nulla, nella checklist per la riconsegna dell’appartamento troverete i cinque step in formato scaricabile. In bocca al lupo!

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARVI

Che fare quando il rubinetto gocciola?

più

Eliminare i danni e consegnare l’appartamento in buono stato

più

Muffa addio!

più

Macchie sul tappeto – che fare?

più