JUMBO Logo

Le tinte scelte per le pareti e i soffitti danno carattere alla vostra casa. Le tonalità chiare fanno sembrare lo spazio più grande, quelle scure creano intimità e calore. Singole pareti colorate fungono da punto di riferimento e mettono in risalto il vostro mobile preferito. Combinando colori accesi con colori sobri, la vostra stanza otterrà quel qualcosa in più grazie al contrasto netto. Provate a creare un gioco di colori abbinando tre tonalità in un unico ambiente e separandole facendo leva sui contorni. Se decidete di rinunciare ai contorni, potete usare due tonalità pastello creando un accostamento delicato e un’armonia di colori in salotto. È facilissimo:

  1. basta calcolare la giusta dose di colore
    Ricorrendo alla formula seguente, potrete calcolare la misura della superficie totale da tinteggiare.

    Spazio totale (A + B + C + D) x altezza ambienti (E)
    + superfici soffitto (A x B)
    – superfici finestre (H x I)
    – superfici porte (F x G)
    __________________
    = superficie da tinteggiare


Il contenitore RENOVO indica la resa del colore.


  1. Trovare le tinte e gli attrezzi adatti Nelle nostre postazioni di miscelazione colori trovate tutte le tonalità e la consulenza necessaria per realizzare il vostro progetto. Portate a casa dei campioni e provate la tonalità che preferite prima di procedere e successivamente, acquistate il colore desiderato. Se sarà necessario effettuare un nuovo acquisto, avrete la certezza su quale tonalità di colore scegliere. Per risultati ottimali affidatevi agli attrezzi per pittura di RENOVO, riconoscibili dal simbolo verde sulla confezione. Sapevate che la maggior parte dei prodotti RENOVO sono adatti anche per chi soffre di allergie perché sono privi di solventi, plastificanti e conservanti?
  2. Proteggere le superfici
    Tutte le superfici da non tinteggiare o da ridipingere in un secondo momento vanno protette con del nastro adesivo. Disponete sul pavimento una pellicola o un apposito tessuto non tessuto di copertura e fissatelo, in modo che non scivoli.
  3. Seguire la corretta procedura di preparazione
    L’importante è non dipingere in modo sbrigativo! Prima di tutto controllate che il fondo sia asciutto, pulito e resistente. Per riconoscere superfici molto assorbenti o con diversi livelli di assorbimento basta dare delle pennellate al fondo. Le superfici sabbiose o porose vanno prima trattate con un primer. Vale la pena fare questo passaggio preliminare anche in caso siate incerti sul vostro tipo di sottofondo, poiché la tonalità e la quantità di colore da utilizzare possono variare: va da sé che è più economico e produttivo optare per un primer.
  4. In fase di tinteggiatura seguire i principi fondamentali
    Prima di procedere col rullo, è necessario inumidirlo per fare sì che assorba meglio il colore. Iniziare tinteggiando il soffitto. Per gli angoli e i bordi usare un pennello piatto o un rullo. Tinteggiare allontanandosi gradualmente dalla finestra, con la luce ad illuminare l’interno della stanza, così da mantenere una buona visione d’insieme.
  5. Un risultato eccellente grazie ai consigli dell’esperto
    Anche nella tinteggiatura è la tecnica a fare la differenza. Con il rullo per pittura stendete da due a tre mani di colore a tutta larghezza procedendo dall’alto verso il basso. Poi procedete a stendere il colore in diagonale, senza intingere nuovamente il rullo. Passate infine un’altra volta perpendicolarmente senza fare troppa pressione.

Trovate ulteriori informazioni nelle istruzioni per l’uso riportate sul contenitore.